Condividi

E’ in lacrime tutta la comunità di Montalto Uffugo, in provincia di Cosenza, che nelle scorse ore si è svegliata con una tragica notizia che è pesata sul cuore di tutti come un macigno.

Antonio Francesco Roberto Maida, Carabiniere 36enne di grado appuntato si è tolto la vita.

Il carabiniere, che prestava servizio alla Stazione di Cosenza nord dfa originario di Caldopiano, frazione della stessa Montalto Uffugo

Maida si è ucciso con la pistola di ordinanza sul balcone dell’appartamento dove viveva, nel centro della città di Cosenza, la sera di Mercoledi.

Leggi anche:  Rapinatore aizza cane contro un Carabiniere: animale ucciso a colpi di pistola

A riportare l’accaduto è la Gazzetta del Sud

Tragedia che è rimbalzata come un tuono su tutto il territorio montaltese, dove risiedono familiari e parenti del carabiniere, persone molto conosciute e stimate da tutti.

Incredulità e strazio per questa morte crudele e sulla quale sono in corso gli accertamenti per capire cosa abbia spinto il trentaseienne a compiere l’estremo gesto. Nessuno ne conosce il motivo, forse potrebbe essere riconducibile alla separazione dalla moglie, non accettata dall’uomo.

Un distacco diventato probabilmente incubatore di un disagio mai effettivamente cancellato. Montalto Uffugo, dunque, perde un altro pezzo di cuore, una persona alla quale tutti volevano bene. Un dolore forte soffoca gli abitanti e non si danno pace per quanto crudele sia stato il destino dell’appuntato.

Sui social network tantissimi sono, in queste ore, i messaggi di cordoglio rivolti al giovane, di chi, suo, amico, vuole ricordarlo con il suo sorriso che vivrà nel cuore di tutta Montalto per sempre.(conc.vic.)

Articolo precedenteTruffe con finti “Buoni Decathlon”. Falsi messaggi per buoni da 1000 euro sui nostri telefoni.
Prossimo articoloFisco, dal 730 rimborsi per 9,5 miliardi Ai dipendenti una media di 900 euro