Condividi

Visti difficili e tablet vietati a bordo, effetto Trump: Emirates tagli i voli sugli Stati Uniti

La notizia ha quasi del clamoroso. Perchè nella sua politica di espansione globale, mai (o quasi) Emirates aveva tagliato i suoi voli. A indurla a farlo è riuscito il presidente americano Donald Trump. Dal prossimi mese di maggio, infatti, la compagnia aerea di Dubai ridurrà il numero di voli verso gli Stati Uniti in modo considerevole. I collegamenti diretti su Orlando e Fort Lauderdale scenderanno da giornalieri a 5 volte la settimana, quelli su Seattle e Boston da bi-giornalieri a giornalieri e i due voli al giorno per Los Angeles diventeranno uno solo.

Leggi anche:  Corea del Nord: "Pronti a cancellare l'America dalla faccia della terra"

La notizia farà felici le tre maggiori compagnie aeree americane, e sopratutto Delta e United, che da anni fanno pressioni sul governo americano perchè introduca dei limiti alla possibilità delle compagnie aeree del golfo di accedere alle città americane. La sola Emirates, oggi, vola da Dubai non stop verso 12 città statunitensi. “La misura- ha spiegato un portavoce di Emirates – è legata a una minore domanda di viaggi verso gli Usa come conseguenza in parte della stretta sui visti promossa dall’amministrazione Trump, in parte ai divieti introdotti per l’accesso in cabina di apparecchiature elettroniche come smartphone, tablet e pc”.

Leggi anche:  Usa, governatore Christie chiude la spiaggia: poi ci va con la famiglia

liberoquotidiano

Articolo precedenteRimanda per mesi la visita ginecologica per vergogna: una mamma muore di cancro a soli 34 anni
Prossimo articolo"Se vedete questo oggetto avvisate subito la polizia"