Condividi

Auto impazzita finisce su pedoni e vetture, a Roccaraso, mentre è in corso la celebrazione della festa di San Rocco. Un ferito e momenti di panico tra le persone sedute nei tavolini di un bar. Tra di loro i componenti del complesso bandistico città di Introdacqua. Lo racconta Leggo come di seguito

E’ accaduto in mattinata a Roccaraso, nella piazza principale Giovanni Leone. Erano circa le 10, quando un settantenne del posto, alla guida del suo fuoristrada, dopo avere completato la discesa e attraversato il curvone di largo Savoia, per cause in corso di accertamento, avrebbe perso il controllo del mezzo, finendo la sua corsa nella corsia opposta, in direzione della piazza.

Il mezzo è andato a collidere prima contro il segnale direzionale e di divieto di accesso a sinistra, posizionato al centro della carreggiata, poi contro le barriere in cemento spartitraffico, che delimitano le due corsie e contro le fioriere. Danneggiate anche tre autovetture, regolarmente in sosta.

L’impatto è stato talmente violento, che i frammenti di cemento, hanno raggiunto gran parte dei presenti che stazionavano nella piazza, come se si fosse verificata una forte esplosione. Un uomo anziano di Roccaraso, ex vigile urbano, purtroppo, ha riportato ferite agli arti inferiori e un lieve trauma cranico.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 di Castel di Sangro, che hanno trasportato l’ex vigile all’ospedale sangrino, per le prime cure necessarie. Poi si è reso necessario il trasferimento in un nosocomio più attrezzato, in quanto potrebbe essere sottoposto a intervento chirurgico.

Anche l’investitore è stato condotto nel presidio sangrino per accertamenti. Alcuni strumenti del Complesso bandistico di Introdacqua, che in quel momento era in pausa, in attesa dell’uscita della statua del Santo dalla Chiesa, sono stati danneggiati. I rilievi tecno – descrittivi dell’incidente, sono stati eseguiti dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia Cc di Castel di Sangro, agli ordini del capitano, Domenico Fiorini.

L'immagine può contenere: una o più persone, persone che camminano e spazio all'aperto

Ai militari il compito di accertare le cause del singolare incidente, che poteva avere risvolti davvero drammatici e soprattutto, con l’ausilio dei sanitari, l’idoneità psico-fisica del conducente del mezzo.

Nella piazza si è recato anche il sindaco, Francesco Di Donato. «Senza le fioriere spartitraffico, le conseguenze sarebbero state sicuramente più tragiche». Questo il commento del sindaco. In effetti, in mancanza di questo ostacolo, costituito da blocchi di cemento circolare e da fioriere, l’auto pirata sarebbe potuta piombare addosso agli ignari pedoni che conversavano sul marciapiede in una calda domenica settembrina.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIl mare di spazzatura arriva alle finestre dei palazzi: la foto della vergogna fa il giro del web
Prossimo articoloAfghano pugnala la folla: quattro persone in gravissime condizioni

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.