Condividi

Russia, bagna la sua cagnetta per farla morire nella notte gelida a meno 32°: petizione per incriminare l’uomo

L’ultima orrenda storia di violenza gratuita su animali ci arriva dalla Russia

Precisamente Yakutsk, una cittadina di meno di trecentomila abitanti situata nel nord-est della Siberia dove le temperature possono arrivare fino a -40

Una delle zone più fredde al mondo, quindi.

Le cronache locali riferiscono la notizia di un uomo che per uccidere il proprio cagnolino, lo avrebbe prima cosparso di acqua per poi lasciarla all’aperto, a – 32 gradi, congelando di freddo

Leggi anche:  Veglia sul cane per un'ora. Quel poliziotto ha commosso tutti

Sadismo puro che come riferisce il Siberian Times, ha scatenato indignazione in tutto il paese.

Le segnalazioni sono state fatte inizialmente da gruppi animalisti, per poi dilagare un po’ in tutta la nazione.

Alcuni attivisti avrebbero filmato e pubblicato le immagini del cane in agonia che, con gli occhi terrorizzati chiede aiuto agitando una zampa in aria

La cagnetta è stata portata subito da un veterinario, ma oramai in condizioni gravi non ce l’ha fatta.

Leggi anche:  Russia, nave militare si arena su spiaggia affollata (video)

Le è stata praticata eutanasia per evitarle ulteriore dolore.

Gli attivisti locali, dopo aver diffuso storia e immagini hanno formalizzato una denuncia anche contro la locale polizia colpevole secondo alcuni di inerzia.

Contestato anche il sindaco che ha avviato nel tempo una politica di sterminio dei randagi

 

GUARDA IL VIDEO

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Articolo precedenteMilano, rilasciavano carte di soggiorno false: sei poliziotti arrestati per corruzione
Prossimo articoloMondiali calcio 2019: l'Italia batte il Portogallo e guida da sola la classifica

Nessun commento

Rispondi