Condividi

Influenzati di tutto il mondo attenti: prima di ingurgitare copiose quantità di sciroppi per far passare la tosse o liberare il naso e poi mettervi al volante leggete bene il bugiardino del medicinale che state assumendo., si rischia il ritiro della patente. Un episodio ambiguo è raccontato da oggitreviso

E’ successo ad un uomo di 43 anni residente a Treviso, fermato per un controllo da una pattuglia dei carabinieri mentre si trovava alla guida della sua auto, lungo la tangenziale di Napoli.

Leggi anche:  Cellulare alla guida, salta il ritiro della patente: polemiche contro il governo

 

Immagine correlata

 

Come riferisce il quotidiano il Gazzettino di Treviso, l’uomo sottoposto all’alcoltest è risultato con un tasso alcolico superiore al consentito, tanto da beccarsi una denuncia per guida in stato di ebrezza.

L’automobilista, invano, ha cercato si spiegare ai carabinieri di non aver bevuto, ma di aver assunto solo un farmaco per bloccare la tosse.

E proprio l’assunzione del medicinale sarebbe la causa del risultato positivo all’alcoltest, ha spiegato l’avvocato dell’uomo.

Leggi anche:  Patente sospesa da uno a tre mesi per chi guida usando il telefonino

 

Beve lo sciroppo prima di mettersi alla guida, gli fanno l'alcoltest: patente ritirata

 

Nel foglietto illustrativo dello sciroppo, infatti, la composizione chimica risulta essere per il 96% costituita da alcol.

Munito di bugiardino che testimonia la presenza di alcol nel farmaco, il 43enne ha deciso di proporre ricorso al giudice di pace di Napoli chiedendo l’immediata restituzione della patente di guida

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePoste, in arrivo 1.500 assunzioni nel 2018, altre 4.500 entro il 2020 Previsti 15mila esodi volontari
Prossimo articoloAncona, chi sono i poliziotti che hanno salvato due vite da un sottopasso allagato

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.