Condividi

Bimbi dell’asilo e del nido picchiati e umiliati da 4 maestre e una bidella (Video)

Percosse e urla contro una ventina di bambini, anche molto piccoli, che frequentano una struttura privata con asilo nido e scuola materna nella provincia di Pordenone. Le indagate incastrate dalle telecamere nascoste.

Come racconta il Messaggero, che ha pubblicato anche il video dei Carabinieri, le maestre maltrattavano i bambini dell’asilo nido

E con questa accusa sono state allontanate da una scuola materna privata dai carabinieri della Compagnia di Pordenone.

Gli stessi militari dell’Arma hanno dato esecuzione infatti a due misure interdittive emesse dalla autorità giudiziaria nei confronti due maestre,

indagate per il reato di maltrattamento nei confronti dei minori loro affidati, in qualità di educatrici.

Leggi anche:  Colombia, licenziati medici di una clinica: ballavano e ridevano intorno a un uomo in sala operatoria

 

 

Alle due maestre è stato imposto il divieto di esercitare la professione in qualsiasi altro ente pubblico e privato.

Nel corso delle indagini sono state documentate una serie di violenze fisiche e intimidazioni operate ai danni di numerosi bambini in tenera età.

La struttura, scrive il Messaggero – è stata posta sotto sequestro dai carabinieri in esecuzione di decreto emesso dall’autorità giudiziaria. Le misure sono state eseguite nella mattina di oggi, sabato 3 marzo.

Le destinatarie delle misure interdittive sono due maestre di 46 anni e 20 anni, entrambe residenti nel Pordenonese. Oltre alle due maestre, sono indagate in concorso altre due insegnanti e un’inserviente.

 

Leggi anche:  VIDEO: UCCIO E LE 'ETA' DEI PROFILATTICI: PERSINO GLI ATTORI NON TRATTENGONO LE RISATE!

 

Nel corso delle indagini, coordinate dalla Procura di Pordenone, sono state posizionate delle telecamere nell’asilo che hanno filmato una serie di violenze fisiche

e intimidazioni operate ai danni di circa 20 bambini in tenera età, i quali, secondo l’accusa, per futili motivi venivano fatti oggetto di percosse di vario genere,

anche sulla nuca e sul viso, talvolta facendo sbattere il volto dei piccoli sul tavolino, in altri casi afferrandoli e strattonandoli con forza,

o traumatizzandoli mediante sottoposizione a vari tipi di punizioni umilianti e lesive della dignità dei minori, accompagnate da grida e urla con il viso a pochi centimetri dal volto dei piccoli.

VIDEO

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAgenti di Polizia Locale in borghese per sospendere chi usa il telefono in auto
Prossimo articoloLe schede elettorali di Camera e Senato: come si può votare (e cosa è vietato: pena 15mila euro di multa)