Condividi

E’ boom di sifilide e clamidia “Gli italiani sottovalutano questi sintomi”

In Italia è boom di casi di Sifilide.
5 cose da sapere sulla malattia a trasmissione sessuale

Quali sono i sintomi della Sifilide? E le cure? Come viene diagnosticata la malattia? I medici lanciano l’allarme. Ecco le informazioni essenziali, per proteggersi.

Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) vengono diagnosticate agni anno circa 498,9 milioni di nuovi casi di malattia sessualmente trasmissibili

Il nuovo allarme riguarda anche l’Italia. Questa volta tocca al sesso e alle malattie legate. cioè le cosiddette malattie sessualmente trasmissibili che, dopo un periodo di stabilità, pare abbiano ricominciato a diffondersi in ogni angolo del globo.

Per un lungo periodo infatti sembravano quasi essere state sconfitte, o forse è più semplicemente stata abbassata troppo la guardia da parte del mondo dell’informazione. L’avvertimento su questo -non- nuovo fenomeno arriva dal 56° Congresso dell’Associazione Dermatologi Ospedalieri (Adoi)

Leggi anche:  In ospedale con l’addome gonfio, i medici fanno una scoperta incredibile

Come si esegue il test per la sifilide?

Il test è fatto tramite un esame del sangue che comprende due screening:
TPHA (Treponema pallidum Haemoagglutination Assay).
VDRL (Veneral Disease Research Laboratory)

VDRL e TPHA hanno un significato clinico diverso, proprio per questo spesso vengono eseguiti congiuntamente. Tramite questi esami è possibile identificare quei soggetti che con buona probabilità hanno contratto la malattia.

In esame presi soprattutto i giovani. Lente sugli over 50

Il dato più preoccupante riguarda la sifilide, provocata da un batterio
che si contrae tramite contatto con lesioni genitali. Discorso analogo per
la gonorrea, il cui sintomo principale è rappresentato da perdite uretralo.

Leggi anche:  Caldo, venerdì allarme rosso per sette città

Se la sifilide secondo gli esperti è aumentata nell’ultimo decennio del 400%, la
gonorrea sarebbe “solo” raddoppiata.

In ultimo, il temutissimo Hiv, retrovirus dell’Aids, pare rimasto stabile tra i giovani, informati e preoccupati e paradossalmente in crescita tra gli ultracinquantenni: un aumento soprattutto tra gli uomini

Colpa del facile accesso ad internet e App?

Uno dei motivi paventati per la nuova diffusione? Non la mancanza di coscienza, secondo il presidente del congresso, ma a causa della facilità degli incontri rispetto a qualche anno fa. Grazie a siti internet e applicazioni.

Sinceramente opinabile.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteL'Italia è dipendente dai social? In due anni cifre raddoppiate: "numeri da capogiro"
Prossimo articoloCombattimento, boom delle donne coi guantoni: "Così ci difendiamo da sole"

Nessun commento

Rispondi