Condividi

Non hanno abbandonato il luogo del crollo e sono rimasti tutto il pomeriggio ad aiutare. I due carabinieri, che hanno visto cedere il ponte della tangenziale sulla loro auto e a due metri da loro, hanno raccontato più volte quanto accaduto.

Ogni volta alla domanda «Siete dei miracolati?», hanno risposto con un sorriso. Il carabiniere Vincenzo Matera, 23 anni, e il maresciallo aiutante Giuseppe Marcigliano, 52, erano sotto il ponte della circonvallazione. «Uno dei luoghi che utilizziamo più spesso per i controlli- spiega il comandante provinciale Rocco Italiano, arrivato sul posto, dove c’era anche il comandante della Compagnia di Fossano, il maggiore Danilo Barbabella -. Questa è una strada molto trafficata e il ponte “protegge” dalla pioggia e dal sole: per questo le pattuglie si fermano spesso proprio in quel punto». Così anche ieri avevano fatto Matera e Marcigliano: erano fuori dal veicolo e avevano appena terminato di controllare dati e documenti di un automobilista, fermato pochi minuti prima.

Leggi anche:  Killer di Budrio, altri duecento carabinieri per la caccia a Igor

«CROLLO IN UN BLOCCO UNICO»
«Abbiamo sentito uno scricchiolio e dopo pochi secondi, cinque o dieci al massimo, è venuto giù tutto. Un blocco unico – raccontano -. Non abbiamo neanche avuto il tempo di pensare che cosa potesse essere. E non avremmo mai immaginato che quel rumore fosse un cedimento strutturale: più facile credere a un mezzo pesante che passava sopra la nostra testa. Certo, abbiamo avuto paura. Probabilmente è stato un miracolo. Appena possibile abbiamo avvisato la centrale e poi chiamato le nostre famiglie, per rassicurarle».

Leggi anche:  Settemila carabinieri senza lavoro, beffati con un decreto gli ausiliari

LA SOLIDARIETÀ DEI COLLEGHI
Insieme a loro i colleghi: anche chi era a riposo ha voluto raggiungerli per accertarsi che stessero bene e aiutare nella gestione dell’emergenza.
«Quante ore abbiamo trascorso lì sotto – dicevano tra loro -. E quante volte siamo stati in quella macchina rimasta schiacciata». Difficile, probabilmente, per Matera e Marcigliano, rendersi ancora conto di quello che avrebbe potuto essere, per l’inevitabile choc che sopraggiunge in questi casi

La Stampa
Foto – LA STAMPA

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTragedia ad Abbasanta: poliziotto si spara con la pistola d'ordinanza
Prossimo articoloMuore accoltellato per salvare il suo padrone da un'aggressione: ciao Lucky, piccolo eroe

Nessun commento

Rispondi