Condividi

Cavalcavia pericolante, potrebbe crollare”: l’allarme del sindaco“

Brescia – Nuovo allarme per un cavalcavia pericoloso. Il ponte della strada statale 42, nel tratto che collega Ponte di Legno con il passo del Tonale “potrebbe cedere”. Lo ha spiegato il sindaco di Ponte di Legno, località turistica sulle alpi bresciane, Aurelia Sandrini, che da tre anni scrive all’Anas per segnalare le condizioni della struttura, realizzata nel 1980, senza ottenere nessuna risposta. E la preoccupazione sale alla luce dei crolli degli ultimi mesi, ieri in provincia di Cuneo, poco più di un mese fa a Loreto, quando il cedimento di un ponte provocò la morte di marito e moglie e qualche mese fa ad Annone Brianza dove perse la vita un uomo.

Leggi anche:  Fossano, crollo del cavalcavia - Parlano i due Carabinieri miracolati: “Una grande paura, neanche il tempo di pensare a cosa potesse essere”.

“L’Anas di Milano non solo non ha mai risposto alle nostre lettere, ma senza contattare l’amministrazione un giorno ha mandato in paese una ditta – ha raccontato il sindaco – che dopo aver visto la situazione ha pensato bene di posizionare un tronco di legno sotto il ponte, come puntello”. Anche dopo quell’intervento però all’amministrazione non è chiaro quale sia la situazione della struttura, se è a rischio crollo o meno: “Al momento non sappiamo nulla e non abbiamo parlato con nessuno dei tecnici. Noi pensiamo che il ponte sia pericoloso e che potrebbe crollare”. Dalle foto scattate dall’amministrazione il ponte appare con la struttura di cemento consumata, tanto che è visibile la parte in acciaio.

Leggi anche:  Stamina: ok tribunale Arezzo per cure a due donne

il giorno

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePerdi peso in una settimana con la dieta della banana
Prossimo articoloTurchia, precipita un elicottero con giudici e poliziotti a bordo

Nessun commento

Rispondi