Condividi

Roberta Pinotti chiede scusa agli immigrati: “Naufragio gestito in modo burocratico”

“È una storia terribile. Ed è terribile che loro abbiano cercato soccorso per oltre quattro ore e che questo soccorso non sia arrivato”. Roberta Pinotti, ministro della Difesa, chiede scusa agli immigrati per il naufragio dell’11 ottobre del 2013 in cui perirono 268 persone, tra cui 60 bambini. “Va fatta chiarezza – sottolinea il ministro della Difesa in una intervista a la Repubblica -.

Leggi anche:  Rimini, in 28 stipati in due appartamenti tra sporcizia e degrado

È una vicenda che la magistratura sta cercando di definire, ci sono state già delle indagini condotte dalle procure di Agrigento e di Roma che hanno chiesto l’archiviazione. Il gip romano ha domandato degli approfondimenti e io posso dire che avrà la massima collaborazione e la massima trasparenza da parte del ministero che rappresento.

Ovviamente sarebbe un errore grave pensare di incolpare la Marina Militare nel suo complesso ma bisogna capire se ci sono delle responsabilità personali: non riesco a spiegarmi perché quella nave sia stata lasciata senza soccorso per così tante ore”.

Leggi anche:  Marina militare: sulla nave Vega morto il medico di bordo

Secondo la Pinotti, è impensabile gestire la salvezza di tanti uomini, donne e bambini come una questione burocratica: “Esiste una legge del mare che di fronte al rischio per la vita umana impone alla nave più vicina di intervenire”.

Articolo precedenteRoma, ragazza aggredita sull'autobus da un magrebino: pugni in faccia, nessuno fa nulla
Prossimo articoloBulgaria, il paradiso dei pensionati e l'uomo che vi aiuta a pianificare la fuga: zero tasse