Condividi

L’ultimo capitolo della battaglia tra la Cina e Winnie The Pooh si è svolto qualche giorno fa con la censura, in tutti i cinema cinesi, del film ‘Christopher Robin’ (in Italia ‘Ritorno al Bosco dei 100 acri’). Il motivo, non ufficiale, è che la figura del popolare orsetto è stato usata in passato dagli oppositori del presidente Xi Jinping per deriderlo. Nel 2013 la foto del leader in California con l’allora presidente Barack Obama era stata messa affiancata sui social media con un’immagine di Winnie e del suo amichetto’ Tigger’ (‘Tigro’).

Leggi anche:  Poliziotti e carabinieri in Cina per pattugliare la Grande muraglia

Un anno dopo, una stretta di mano tra Xi e il premier giapponese Shinzo Abe era stata abbinata a Winnie che stringe lo zoccolo del malinconico e pensieroso asinello ‘Eeyore’ (in italiano ‘Ih-Oh’), altro personaggio di punta del cartone animato. Nel 2015 il portale di analisi politica Global Risk Insights ha “coronato” una foto di Xi in piedi che svetta dal tettuccio aperto di un’auto ad una parata militare insieme a Winnie come “l’immagine più censurata dell’anno in Cina”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCalabria, boss vuole portare in processione statua della Madonna: bloccata la processione
Prossimo articoloPiacenza, due ragazzi di 15 anni indagati per violenza sessuale di gruppo

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.