Condividi

Marine Le Pen, la candidata del Front National alle presidenziali francesi, continua la sua campagna elettorale, sempre molto sprezzante e tagliente. L’ultimo monito della politica è quello dell’uscita dall’Euro. “Una volta eletta, avvierò immediatamente le trattative e chiederò una riunione dei capi di Stato, senza le istanze comunitarie. Molti Paesi europei, al sud e all’est, aspettano che la grande e potente Francia prenda la leadership per costringere l’Ue a sedersi al tavolo delle trattative – spiega nell’intervista a Le Figaro – dico anche ai francesi che l’uscita dall’euro non avrà nessuna conseguenza sui loro risparmi”.

La Le Pen, nell’intervista tradotta in italia da La Repubblica, spiega che la situazione attuale, “con l’unione bancaria legata all’euro che, in caso di crisi finanziaria, impone di attingere ai risparmi delle famiglie è un “grosso pericolo. La grande maggioranza dei francesi sono convinti che l’euro sia una palla al piede, riottenere una moneta nazionale adattata creerà milioni di posti di lavoro e ci restituirà la libertà”. La sua arringa contro l’euro sembra essere molto convincente. Il tutto in stile Brexit, anche se la Finanza ha già iniziato a muoversi per ostacolare quest’idea della leader del Front National. “Le previsioni apocalittiche tese a spaventare gli elettori sono state smentite dai fatti – fa notare la Le Pen -. I francesi sanno che chiederò il loro parere. E investire in Francia sarà più redditizio di oggi”.

Leggi anche:  Francia, Macron è presidente: "Oggi inizia una nuova era di speranza e fiducia"

L’uscita dalla moneta unica non è il solo piano economico della leader francese: “Non sopporto che in ogni circostanza si chiedano sacrifici ai francesi senza prima aver ridimensionato le spese nocive dello Stato. In caso di vittoria si andrà subito a rivedere il denaro versato in pura perdita all’Unione europea, l’evasione fiscale, i deliri del decentramento, i costi delll’immigrazione legale e clandestina”. E su quest’ultimo punto le idee della leader del Front National sono molto chiare. “Ci sono misure da mettere immediatamente in opera: l’espulsione degli stranieri schedati, abrogazione della circolare di Valls sulla regolarizzazione dei migranti, moratoria sul rilascio di certi documenti, congelamento dei crediti per chi chiede asilo e aiuto medico allo Stato…”.

Leggi anche:  Roaming in Europa, addio da Giovedì. Quanto costerà telefonare dall'estero

M.O. – direttanews

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Articolo precedentePiedi "a mollo" nella fontana del Vittoriano, multa di 900 euro a due turisti
Prossimo articoloGianni Boncompagni, l'attacco di Barbara Carfagna: "La Ferrari piazzata in Rai da lui a 16 anni..."