Condividi

carabinieri62Denunciati tutrice e protutore per maltrattamenti e sequestro di persona. Avrebbero dovuto prendersi cura di loro

Vibo Valentia, 2 febbraio 2014 – Da quindici anni vivevano in condizioni raccapriccianti. A Filadelfia (nel Vibonese) due invalidi erano, infatti, «segregati» nella loro abitazione dalla tutrice e dal protutore che avrebbero dovuto prendersi cura di loro. La vicenda è venuta fuori grazie a una perquisizione effettuata dai Carabinieri della stazione di Filadelfia che si sono trovati di fronte una situazione di grande miseria e degrado. Per il Gip del Tribunale di Lamezia Terme, Barbara Borelli, questa condotta configura i reati di maltrattamenti e sequestro di persona. La casa dove i due vivevano, in condizioni igieniche ben oltre il limite, era infatti chiusa a chiave dall’esterno. Tutrice e protutore, che tra l’altro riscuotevano la pensione dei due invalidi, sono stati sottoposti all’obbligo di presentarsi ogni giorno alla polizia giudiziaria ma la vicenda potrebbe anche avere altri risvolti.

Fonte: La Gazzetta del Sud

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteVigilante 25enne uccise il padre, può essere processato
Prossimo articoloCaso Forti, appello del legale al governo: ''Si mobiliti, a breve una mozione''