Condividi

Il Commissariato di Polizia di Desenzano ha arrestato il 36enne protagonista della folle fuga avvenuta nella notte tra lunedì e martedì nella cittadina gardesana.

A finire in manette un cittadino di nazionalità francese. E’ accusato di tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale.

La vicenda ha avuto inizio verso l’una, quando una Volante, notando transitare a forte velocità una Seat Leon lungo una via centrale, ha cercato di fermarla.

Ignorando i segnali acustici e luminosi attivati dagli agenti, il 36enne ha aumentato la velocità, iniziando una fuga spericolata.

Leggi anche:  Spacca il setto nasale a un poliziotto e ne ferisce altri quattro. L'ira degli agenti: "ogni giorno aggressioni, non se ne può più"

L’inseguimento è terminato quando la Seat ha imboccato un vicolo cieco: gli agenti sono scesi a piedi per controllare ed identificare il conducente, che, improvvisamente, è ripartito in retromarcia a fortissima velocità, tentando di investirli.

Solo la loro pronta reazione ha evitato il peggio: sono riusciti a schivare il veicolo gettandosi ai bordi della strada, esplodendo alcuni colpi di pistola a scopo intimidatorio.

La corsa della Leon si è conclusa poco distante, andandosi a schiantare contro delle auto in sosta (danneggiate gravemente),

Leggi anche:  Mestieri ad alto rischio: aggrediti, minacciati, sequestrati Agenti di Polizia Penitenziaria e Medici: emergenza violenza in Campania

mentre l’autista è riuscito a fuggire a piedi nella campagna circostante, facendo perdere le proprie tracce.

Gli immediati accertamenti, nonostante il mezzo fosse intestato a una ditta con sede a Roma, hanno permesso di risalire all’autore del gesto, che è risultato positivo al test di alcol e droga.

E’ stato quindi arrestato e portato in carcere a Brescia.

Articolo precedenteParchi e boschi infestati dalle zecche: tutti in pronto soccorso
Prossimo articolo"Amico fraterno, corretto e altruista": Francesco Ciquera non ce l'ha fatta, Polizia in lutto

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.