Condividi

Non ci sono i verdiniani e i nomi restano sostanzialmente gli stessi. Anzi, l’unica novità del governo Gentiloni è un cambio di deleghe: Vito De Filippo, Pd, ex presidente della Basilicata, dalla Salute passerà all’Istruzione. Il percorso inverso lo fa Davide Faraone, che dall’Istruzione passa alla Salute. In più esce come previsto e annunciato dal ministero dell’Economia l’ex vice di Padoan, Enrico Zanetti, mentre se ne va da Palazzo Chigi il sottosegretario Tommaso Nannicini che aveva sostenuto Matteo Renzi sulle questioni del lavoro e della previdenza. Fine delle differenze con il governo Renzi. Nella conferenza stampa di fine anno Gentiloni ha negato che nominare Boschi e Lotti “sia stato un autogol”. Anzi, la Boschi, attualmente sottosegretaria alla presidente del Consiglio, “è una risorsa molto utile e di grande qualità – spiega Gentiloni – e, che ci si creda o no, sono io che ho chiesto a Maria Elena Boschi di fare questo lavoro e credo possa farlo bene”.

La lista dei sottosegretari
Tra i sottosegretari alcuni manterranno la carica di viceministro (come Bubbico all’Interno o Giro agli Esteri). Altri che figurano a Palazzo Chigi in realtà continueranno ad avere deleghe specifiche nei ministeri senza portafoglio come Amici e Pizzetti (Rapporti con il Parlamento), Rughetti (Pubblica Amministrazione), Bressa (Affari regionali).

Presidenza del Consiglio Maria Teresa Amici, Gianclaudio Bressa, Sandro Gozi, Luciano Pizzetti, Angelo Rughetti
Affari esteri e cooperazione internazionale Vincenzo Amendola, Benedetto Della Vedova, Mario Giro
Interno Gianpiero Bocci, Filippo Bubbico, Domenico Manzione
Giustizia Federica Chiavaroli, Cosimo Maria Ferri, Gennaro Migliore
Difesa Gioacchino Alfano, Domenico Rossi
Economia e finanze Pier Paolo Baretta, Luigi Casero, Paola De Micheli, Enrico Morando
Sviluppo economico Teresa Bellanova, Antonio Gentile, Antonello Giacomelli, Ivan Scalfarotto
Politiche agricole, alimentari e forestali Giuseppe Castiglione, Andrea Olivero
Ambiente e tutela del territorio e del mare Barbara Degani, Silvia Velo
Infrastrutture e trasporti Umberto Del Basso De Caro, Riccardo Nencini, Simona Vicari
Lavoro e politiche sociali Franca Biondelli, Luigi Bobba, Massimo Cassano
Istruzione, università e ricerca Vito De Filippo, Angela D’Onghia, Gabriele Toccafondi
Beni e attività culturali e turismo Dorina Bianchi, Ilaria Borletti Buitoni, Antimo Cesaro
Salute Davide Faraone.

Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIl tunisino residente in Lombardia "doveva colpire in Italia"
Prossimo articoloAddio alla storica carrozza di Mussolini, sarà demolita da Atac. È il convoglio su cui il Duce festeggiò la marcia su Roma

Nessun commento

Rispondi