Condividi

Ancora una rivoluzione per i televisori italiani.

Come previsto dalla manovra all’esame del Senato negli scorsi mesi, infatti, cambia la tecnologia del digitale terreste per ricevere i canali della tv

Gli italiani dovranno adeguarsi nel giro di 5 anni.

A fronte delle disposizioni contenute nella Legge di Bilancio 2018, i canali televisivi passeranno al nuovo digitale terrestre, il Dvb-T2. In parole povere, l’attrezzatura odiera cesserà di funzionare sui dispositivi che non montano gli ultimi standard tecnologici.

Leggi anche:  Servizi non richiesti su smartphone, la polizia postale rilancia l'allerta: ecco come bloccarli

Il passaggio come avvenuto le scorse volte, sarà graduale, regione per regione ed emittente per emittente.

Comincerà nel 2018 (il periodo è ancora da chiarire, forse Maggio) e sarà completato nel 2022.

Nel testo della Finanziaria 2018 trapelato è stato inserito un lunghissimo articolo, il n. 89, intitolato

 

“Uso efficiente dello spettro e transizione alla tecnologia 5G” che norma tutte le fasi e i tempi del passaggio alla nuova modalità trasmissiva tv,

che renderà obsoleti milioni di apparecchi in tutta Italia (addirittura nove su dieci, secondo le prime stime).

Leggi anche:  "Traffico internet bloccato, pagate 100 euro di multa": la nuova truffa sul web

Come per il passaggio dall’analogico al digitale, il processo di passaggio al DVB-T2 non sarà all’unisono su tutto il territorio nazionale ma avverrà in modo parcellizzato per zona geografica, secondo un piano da stabilirsi a cura dell’Agcom entro il maggio del 2018.

Seguiranno aggiornamenti

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteÈ morto l'ultimo Motörhead, addio al chitarrista Fast Eddie Clarke
Prossimo articoloL'ultima idea di Bruxelles: una tassa sulla plastica per il bilancio europeo