Condividi

“Bianchi bastardi”, ad Agrigento in campo insulti razzisti dai ragazzi di colore

LICATA. Un episodio di razzismo viene raccontato dal Giornale di Sicilia

E’ successo tutto al termine della partita di calcio del campionato provinciale di terza categoria di Agrigento tra Brothers Casa Amica e Vigata che si è conclusa con il risultata di 2 a 2 nell’impianto sportivo di Fontanelle.

Ma questa volta a proferire parole razziste ed aggredire l’arbitro sono stati i ragazzi di “colore”, che fanno parte della squadra allestita dalla comunità alloggio “Casa Amica” di Agrigento, cioè la struttura che li ospita in quanto richiedenti asilo politico.

Leggi anche:  Agrigento, blitz con 56 arresti. La mafia chiedeva il pizzo ai centri di accoglienza per rifugiati

Al termine del match, in sostanza, i giocatori della Brothers, col nobile significato di fratelli, non hanno accettato il responso del campo e si sono scagliati contro l’arbitro, un ragazzino di 17 anni di Canicattì e contro gli avversari italiani del Vigata.

E le parole incriminate sono state appunto “Italiani pezzi di m…”, “Bianchi bastardi” e così via dicendo.

Per questo motivo la società Brothers Casa amica è stata punita con una ammenda da 200 euro, come riporta il comunicato ufficiale della Figc:

“Per avere dopo la fine della gara, alcuni tesserati della società a margine pronunciato frasi offensive di contenuto razzista nei confronti dell’arbitro e dei tesserati della società avversaria, dopo essersi tolti la maglietta nell’intento, perfettamente raggiunto, di non essere identificati dallo stesso direttore di gara”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Articolo precedenteOrge con fondi ong ad Haiti, Oxfam nell’occhio del ciclone
Prossimo articoloQuei rastrellamenti partigiani rimasti nascosti "fecero sparire un migliaio di corpi trasformandoli in sapone"

Nessun commento

Rispondi