Condividi

Jessica Notaro, la ragazza sfregiata con l’acido dal suo ex fidanzato ha mostrato il suo volto in tv al Maurizio Costanzo Show

Via la fasciatura. Jessica Notaro, la ragazza sfregiata con l’acido dal suo ex fidanzato ha mostrato il suo volto in tv al Maurizio Costanzo Show.

“Preferirei toglierlo”, ha affermato la ragazza rimuovendo il foulard e la protezione per il volto. Immediatamente è scattato un applauso da parte di tutto lo studio e da parte dello stesso Costanzo. Il suo aggressore è stato rinviato a giudizio per stalking. Ma adesso Jessica ha deciso, per la prima volta di mostrare il suo volto.

Leggi anche:  Cristiano De André, botte e urla alla compagna davanti a tutti

Le sue parole sono state chiare: “Voglio che si veda cosa mi ha fatto: questo non è amore”. Jessica, ex miss Romagna 2007, ha poi raccontato come è cresciuta la rabbia di Jorge Edson Tavares nei suoi confronti. L’uomo era già stato denunciato per danni dalla ragazza, ma il Gip di Rimini aveva disposto solo il divieto di avvicinamento. Poi qualche mese dopo il dramma con l’aggressione con l’acido.

E su questo punto Costanzo ha chiesto l’intervento del ministro della Giustizia Andrea Orlando che telefonicamente ha fissato un appuntamento con la ragazza già per giovedì. “E’ la prima volta in 30 anni di Costanzo show – ha commentato il conduttore ringraziando Orlando – che un ministro trova una soluzione così immediata”.

Leggi anche:  Lancia acido addosso alla moglie e fugge con i due figli piccoli, choc a Forlì

Intanto per le spese per le cure, Jessica ha aperto un conto corrente per chi volesse darle un piccolo contributo: IBAN IT94U0628524227CC0648113567.

 

il giornale

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteUna donna dietro la fuga di Igor, il killer di Budrio? Sentita dai carabinieri dopo il blitz
Prossimo articolo«Un uso eccessivo del cellulare provoca il tumore al cervello»: il tribunale di Ivrea condanna l'Inail