Condividi

La Procura militare di Verona ha aperto un fascicolo a carico dei tre carabinieri addetti al posto di blocco che la notte dell’8 aprile scorso si lasciarono sfuggire Igor il Russo, il killer di Budrio. Lo scrive Il Giorno.

L’ultimo avvistamento di Norbet Feher risale a quella notte, quando il ricercato fece perdere le proprie tracce nascondendosi nel boschetto di Molinella nel Bolognese. L’8 aprile i tre carabinieri, che fermarono a distanza Igor, non spararono. Secondo il rapporto scritto dai militari, non c’erano le condizioni per intervenire senza rischiare ulteriori conseguenze.

Leggi anche:  I Carabinieri agli abitanti. Ecco come affrontare Igor. “Nessuno faccia l’eroe”

I tre si limitarono a tenerlo d’occhio, in attesa di rinforzi. I militari, in borghese e con un auto di copertura incrociarono il Fiorino con a bordo il ricercato, lo seguirono e si avvicinarono fino a quando lui non li abbagliò con i fari. Poi scese, pare disarmato, dal mezzo e si diresse nel bosco. “L’unica azione plausibile era quella di porre un’attenta osservazione in sicurezza” scrivono i tre carabinieri nel rapporto. Ma, forse, la presa di posizione non basta, tanto che ora si indaga sui carabinieri.

Leggi anche:  "Addio Italia", firmato "Igor": il mistero della cartolina inviata ai carabinieri

LiberoQuotidiano

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCanarie, il paradiso per fuggire dall'Italia. Angelo Perazzi: "Vi spiego come si vive qui e come potete trasferirvi"
Prossimo articoloDelirio fuori il Parlamento, deputato pestato a sangue: il video dell'aggressione

Nessun commento

Rispondi