Condividi

E’ quello di Leonardo Gallitelli il nome che sta facendo parlare tutta la politica italiana e i cittadini sui social network dopo essere stato citato da Berlusconi per una papabile candidatura

Ma di chi si tratta? Già molto noto per aver ricoperto il prestigiosissimo incarico di Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, predecessore dell’attuale Tullio Del Sette, ma non solo.

Andiamo a vedere nel dettaglio il profilo di questo volto pubblico

Galitelli,laureato in giurisprudenza, pugliese di Taranto, classe 1948 e nato il 9 Giugno.

Ha iniziato la carriera militare nel lontano 1967, frequentando l’accademia di Modena prima e la Scuola di Applicazione Carabinieri in Roma poi.

Leggi anche:  Che ci fa Boy George con Berlusconi?

Ha iniziato, come si conviene, a prestare servizio con il ruolo di Tenente. Numerose le esperienze di comando da comandante delle Compagnie di Viggiano, Aosta e Genova Portoria.

 

 

Ha comandato prestigiosi nuclei come quello investigativo a Torino nei periodi più bui della repubblica, quelli degli anni di piombo.

Poi la scelta della carriera, corsi di Stato Maggiore presso la Scuola di Guerra per l’abilitazione all’esercizio delle funzioni dirigenziali.

Quindi, in sequenza, prestigiose esperienze allo Stato Maggiore del Comando generale, al Comando provinciale di Torino, all’Ufficio operazioni del Comando generale dell’Arma e, da colonnello, il Comando provinciale di Roma.

Leggi anche:  Ora torna Matteo Renzi, "ciaone" Gentiloni

Dal 2000 al 2002 e’ stato sottocapo di Stato Maggiore del Comando generale e, successivamente, comandante della Scuola Ufficiali dell’Arma.

Dal 7 ottobre 2003 al 4 settembre 2006 e’ stato comandante della Regione Carabinieri Campania. Dal 5 settembre 2006 e’ capo di Stato Maggiore del Comando generale dell’Arma dei Carabinieri.

Comandante generale dell’Arma dei carabinieri dal 2009, nel 2015 e’ stato nominato responsabile dell’ufficio antidoping italiano. E’ sposato e ha due figli.

Articolo precedenteVia libera al nuovo bonus bebè: 80 euro al mese per i nuovi nati
Prossimo articoloIschia, la polizia rinuncia all'indennità economica per aiutare i bimbi terremotati

Nessun commento

Rispondi