Condividi

Oramai non esiste italiano che non conosca la storia tragica di Lorys Stival e la sua famiglia.

Il piccolo, ucciso nel 2014 ad appena a 8 anni, presumibilmente da Veronica Panariello, la mamma, oggi il bambino avrebbe compiuto 12 anni

A ricordarlo, distrutto dal dolore per una ferita che non si rimarginerà mai più, è il suo papà Davide. Con una lettera aperta riportata dalla pagina facebook di Quarto Grado, Davide ricorda il suo bambino scomparso nel novembre del 2014.

“Ciao Lorys, oggi è il tuo dodicesimo compleanno, il quarto che non festeggi insieme a noi e ai tuoi compagni. Dal primo giorno che sei andato via ho sentito il bisogno di scriverTi, lo sai. E così ho aperto il mio cuore e ti ho dedicato i nostri ricordi”.

Leggi anche:  Veronica Panarello "L'unica cosa che non rifarei è tradire mio marito"

E ancora “Da quando non ci sei più sono cambiate tante cose. Troppe. E non è facile mettere insieme i giorni, adesso. Senza di te non è più bello come prima e non potrà più esserlo. Quei puzzle che facevamo io e te, ora non vanno più a posto, non si completano come prima.

 

A volte la vita è ingiusta, però proviamo ad essere forti e cerchiamo di reggere sempre, Io e il tuo fratellino. E ci riusciamo perché sentiamo il tuo abbraccio e la forza che ci trasmetti. Sentiamo la tua mano, e reggiamo sempre la presa”.

Leggi anche:  Loris, papà Davide non ha retto e ha detto basta: 'Andava fatto'

Poi conclude: “Con lo sguardo verso l’alto e il cuore pieno d’amore voglio immaginarti felice, oggi un po’ di più, anche se non posso accarezzare il tuo viso come ogni genitore e questo mi fa stare male. Tra una lacrima e un sorriso buon compleanno, Lorys. Papà”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteRinghio, il labrador massacrato di botte "Ora nessuno lo adotta perché brutto"
Prossimo articoloMatteo Salvini in guerra con Europa ed Ong: il piano anti immigrazione "pressione su tutti i mezzi delle forze europee"