Condividi

Afghanistan, 16 anni di guerra sono costati 900 miliardi di dollari: 7,5 sostenuti dall’Italia

La guerra in Afghanistan è costata 900 miliardi, 7,5 per l’Italia. Il costo sostenuto per gli Stati Uniti dal 2001 a oggi è di 827 miliardi di dollari (attualmente circa 45 miliardi l’anno) ma se si sommano questi costi aggiuntivi – accuratamente stimati da analisti delle università americane Harvard e Brown la cifra raddoppia. Lo afferma il rapporto ”Afghanistan, sedici anni dopo” dell’osservatorio MIL€X secondo il quale “si tratta della più lunga e costosa campagna militare della storia d’Italia”.

”Rimanendo alla sola spesa ufficiale – prosegue il Rapporto – 16 anni di guerra in Afghanistan sono costati complessivamente a tutti i Paesi che vi hanno partecipato all’incirca 900 miliardi dollari: circa 28 mila dollari per ogni cittadino afgano — cifra enorme se confrontata al reddito annuo medio afgano di circa 600 dollari”. Per quanto riguarda l’Italia, rileva l’osservatorio, il costo ufficiale della partecipazione alle missioni militari in Afghanistan a partire dal novembre 2001 (Enduring Freedom fino al 2006, ISAF fino 2014, Resolute Support dal 2015) è di 6,3 miliardi di euro, vale a dire oltre un milione di euro al giorno in media.

Leggi anche:  La Corea del Nord non si arrende: “Faremo test missilistici ogni settimana”

A questo costo ”va aggiunto l’esborso di 360 milioni a sostegno delle forze armate afgane (120 milioni l’anno a partire dal 2015) e circa 900 milioni di spese aggiuntive relative al trasporto truppe, mezzi e materiali da e per l’Italia, alla costruzione di basi e altre infrastrutture militari in teatro, al supporto operativo della Task Force Air (Emirati, Qatar e Bahrein) e degli ufficiali di collegamento distaccati presso Comando Centrale USA di Tampa, Florida, al supporto d’intelligence degli agenti AISE, della protezione attiva e passiva delle basi, al supporto sanitario del personale della Croce Rossa Italiana, alla protezione delle sedi diplomatiche nazionali e alle attività umanitarie militari strumentali (CIMIC, classificate all’estero, con più realismo, come Psy Ops, cioè guerra psicologica: aiuti in cambio di informazioni). Si arriva così a oltre 7,5 miliardi, a fronte di 260 milioni investiti in iniziative di cooperazione civile”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteLegge di Bilancio, sotto i 5 mila euro i figli potrebbero essere a carico della famiglia
Prossimo articoloDenuncia i bulli e si uccide a 16 anni: milioni di visualizzazioni per il video

Nessun commento

Rispondi