Condividi

Il reato scatta anche se il presidente del seggio non avverte del divieto

Cassazione: è definitivo. Foto del voto elettorale, multa da 15mila euro

Non fotografate le scheda elettorale, rischiate una multa di 15 mila euro: ha tanto ammonta la condanna inflitta a un 77enne fiorentino che,

alle elezioni politiche nel 2013, aveva scattato una fotografia con il cellulare alla scheda elettorale sulla quale aveva appena espresso il suo voto.

Fare il selfie del voto elettorale non è un reato da poco e non può essere cancellato con il ‘colpo di spugna’ previsto per i fatti di scarsa rilevanza penale e allarme sociale. Lo sottolinea la Cassazione.

 

 

I supremi giudici – con il verdetto 9400 depositato oggi dalla quinta sezione penale – hanno infatti confermato la multa da 15mila euro nei confronti di un fiorentino che nella cabina elettorale aveva fotografato con il cellulare la sua scheda appena compilata.

Leggi anche:  Oggi Savona, ieri Gratteri. Ovvero, il veto su cui nacque il governo Renzi

Senza successo Luigi B., con precedenti dello stesso genere, ha contestato davanti ai supremi giudici la condanna inflittagli dalla Corte di Appello di Firenze nel 2017

ammettendo di aver scattato la fotografia ma chiedendo di non essere punito perchè prima di entrare in cabina il presidente del seggio non gli aveva rivolto l’invito a non introdurre “il mezzo di riproduzione visiva”.

 

 

Ad avviso dei magistrati di merito, questo comportamento dell’elettore e’ da considerarsi di “particolare gravità” e pertanto lo hanno sanzionato pesantemente dopo aver commutato la pena detentiva in multa per la scelta del rito abbreviato.

Leggi anche:  Genova, scoperto a fare pipì in strada: multato per 10mila euro

Quanto al fatto di non aver ricevuto alcun ammonimento preventivo dal presidente del seggio, la Cassazione sottolinea che sebbene la legge prevede che all’elettore sia rivolto l’invito “a depositare” cellulari e mezzi “in grado di fotografare o registrare immagini”,

l’inosservanza di questa prescrizione “è priva di conseguenze penali” per il presidente che dimentica di seguirla. “Dal che si deduce – concludono gli ‘ermellini’ –

come tali ulteriori condotte, ed in particolare l’invito del presidente all’elettore a depositare le apparecchiature di registrazione, non costituiscono alcuna condizione di procedibilità o punibilità della condotta” vietata dalla legge 96 del 2008.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteChe fine ha fatto il buon Fabio di Striscia La notizia? L’appello a Ricci "Aiuto.."
Prossimo articoloPugnala a morte il figlio appena partorito, getta il corpo e poi va a dormire: arrestata 17enne