Condividi

Pensione casalinghe 2018: cos’è, come funziona, requisiti per chiederla, durata e importo

“La pensione casalinghe 2018 è una particolare misura economica a beneficio delle persone che svolgono lavori di cura non retribuiti per la famiglia”  questa la definizione che ne da il portale LavoroEDiritti

Si rende necessario chiarire che la misura economica è diretta ad entrambi i sessi.

Il Fondo casalinghe Inps è operativo da oltre 20 anni e lo sarà anche nel 2018.

Vediamo quindi cos’è e come funziona questo strumento

 


Al fondo hanno accesso le persone tra i 16 e i 65 anni, in determinate condizioni:

– che svolgono lavoro in famiglia non retribuito;
– che non beneficiano di una pensione diretta;
– che non prestano attività lavorativa dipendente o autonoma;
– che prestano attività lavorativa part-time (a patto che gli orari fra lavoro part-time e lavoro casalingo siano conciliabili).

Pensione casalinghe 2018, di vecchiaia e di inabilità

I soggetti iscritti regolarmente al fondo casalinghe, a determinate condizioni, possono ricevere una pensione di inabilità o di vecchiaia.

Il diritto alla pensione casalinghe 2018 sia di vecchiaia e di inabilità, prevede come primo requisito obbligatorio l’iscrizione all’Inail ovvero dovranno avere una assicurazione infortuni domestici INAIL.

 

 

La suddetta iscrizione, può essere eseguita in qualsiasi momento e in particolare non appena compiuti i 18 anni e fino a 65 anni compiuti.

E’ poi necessario lo svolgimento di attività in ambito domestico e di cura della famiglia in modo esclusivo, senza vincolo di subordinazione e soprattutto a titolo gratuito (tranne che per il part-time come specificato sopra).

Articolo precedenteStipendio e pensioni di preti e suore: ma voi lo sapete chi paga?
Prossimo articoloDon Cavazzana ammette: sesso con 13 parrocchiane. Nessun reato

Nessun commento

Rispondi