Condividi

Pestata e rapinata nel sottopasso della stazione a Mestre. La vittima è una donna del posto, di 43 anni e sordomuta.

Picchiano e rapinano una donna sordomuta nel sottopasso: finiscono in manette in tre

Le hanno preso il telefono, unico suo modo per comunicare, oltre al linguaggio dei segni.

Anche per questo, la rapina diventa ancor più grave e fastidiosa

L’episodio si è verificato nella tarda mattinata di ieri e secondo le riprese, gli autori sono tre ragazzi africani, in seguito identificati come nigeriani

Gli agenti della polizia di stato per fortuna sono riusciti celermente ad individuare gli autori nel giro di qualche ora ed arrestarli.

La vittima dopo l’aggressione si è recata poco dopo presso l’ufficio di polizia, facendo capire cosa fosse accaduto. A quel punto sono scattate le prime verifiche.

Leggi anche:  Violentava compagna, fermato dai carabinieri

 

Picchiata e rapinata nel sottopasso

 

Fondamentali le telecamere. I malviventi sono quindi stati individuati dagli uomini delle volanti dopo una ricerca sul territorio.

Il primo dei tre criminali J.B. di 19 anni è stato visto da alcuni poliziotti e subito collegato alla rapina: descrizione fisica e gli indumenti corrispondevano.

Gli altri due rapinatori sono stati bloccati dagli agenti della polizia ferroviaria:

uno, G.J., 25enne con precedenti per droga, è stato immortalato mentre usciva dal sottopasso. L’ultimo, invece, 22enne J.R. Anche per lui, in passato, problemi con la giustizia per spaccio di stupefacenti.

I tre ora dovranno rispondere di rapina pluriaggravata.

£Inequivocabili gli elementi che collegavano i tre nigeriani all’aggressione di poche ore prima – racconta VeneziaToday – parte della rapina è stata infatti immortalata dalle telecamere. Al termine degli accertamenti per loro è scattato il fermo

Leggi anche:  VIDEO: RAPINA A MANO ARMATA SVENTATA DALLA POLIZIA DI STATO.

“Altre persone nel sottopasso, nessuno è intervenuto”

Nel sottopasso, durante l’aggressione, ci sarebbero state altre persone, dei testimoni che per non sarebbero intervenuti.

 

Picchiata e rapinata nel sottopasso

“Voglio sperare che non si siano accorti di quanto fosse appena accaduto – ha sottolineato Luca Miori, dirigente delle volanti – Hanno incrociato la vittima degli uomini e una donna.

Chiediamo ai cittadini di chiamare le forze dell’ordine non appena sospettano ci sia un reato.

Uno degli elementi importanti per chiudere il caso – ha poi continuato – è stato trovare in tasca di uno dei tre il cellulare della vittima.

Abbiamo a che fare con persone che pur gravitando in zona stazione non sono in percorsi di accoglienza. Pur essendo richiedenti protezione internazionale”

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAssale una donna in taxi e la violenta, poi la insegue nudo per strada: arrestato 23enne
Prossimo articoloNadia Toffa. Dopo il malore, l’annuncio della conduttrice