Condividi

E’ stata beccata nelle scorse ore con l’auto di servizio per portare la figlia a scuola.

Utilizzare un’auto blu per scopi personali, qualunque essi siano è sempre sbagliato“.

E ancora: “Per il ruolo che ricopro, per l’impegno che mi sono presa con gli elettori del Movimento 5 Stelle mi sento in dovere di prendermi la responsabilità dell’accaduto e, quindi, di rassegnare le dimissioni da presidente della IV commissione

Deborah Montalbano, storica attivista del Movimento 5 Stelle e consigliera comunale torinese, si scusa così per avere utilizzato un’auto blu per prendere la figlia a scuola.

Leggi anche:  Accoltellato alla gola da un nigeriano: ​orrore al mercato di Torino

“Rimetto ogni decisione definitiva nelle mani del Movimento 5 Stelle consapevole di voler continuare a svolgere il mio ruolo di consigliera in questa città e per questa Città al fianco delle persone in difficoltà e per dare sempre una voce agli ultimi,

 

Risultati immagini per Deborah Montalbano

coloro che spesso vivono difficoltà senza avere gli strumenti adatti per poterle affrontare”.

E’ stata una scelta doverosa e opportuna, coerente con i valori che il Movimento incarna. In attesa che venga chiarita la sua posizione” così si è espresso il gruppo consiliare torinese M5S

Leggi anche:  Appendino e Raggi, i due estremi grillini

Ad intervenire, infine, ci pensa anche il senatore Pd, Stefano Esposito, che però smorza i toni della polemica: “Con la consigliera Montalbano del M5S non prenderei neanche un caffè.

Risultati immagini per Deborah Montalbano

Se quello che ha fatto lei l’avessi fatto io o un esponente del Pd sicuramente avrebbe chiesto, insieme ai suoi compagni grillini, l’impiccagione immediata.

Detto questo, trovo che non abbia fatto nulla di scandaloso nel chiedere di utilizzare l’auto per andare a recuperare sua figlia piccola“.

Articolo precedenteTumori testa-collo: di cosa si tratta. Sintomi, fattori di rischio, possibili cure attuali e future
Prossimo articoloIl padrone è in ospedale, il cane Leo lo aspetta per giorni davanti all'ingresso

Nessun commento

Rispondi