Condividi

Niente aumenti dell’Iva, ma tagli agli sprechi, e il bonus da 80 euro voluto da Renzi non sarà tolto. Le rassicurazioni del governo arrivano dai due vicepremier Salvini e Di Maio, che rimarcano che non si vogliono togliere soldi, ma tagliare sprechi e favori. Il ministro dello Sviluppo confida inoltre di ottenere dalla Ue di andare oltre i parametri: ‘Reddito cittadinanza, flat tax, cambio Fornero sono riforme strutturali’, spiega. Ma i consumatori lanciano un allarme su possibili stangate nel caso dovessero scattare le clausole di salvaguardia, e le opposizioni passano all’attacco.

“Il governo non pensa di togliere gli 80 euro e non vuole aumentare l’iva”, ha detto il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini sottolineando che il governo sta lavorando “per attuare il programma”. “Spiace dover rincorrere alcune indiscrezioni dei giornali – conclude – palesemente false e che servono solo per riempire le pagine di quotidiani ad agosto”.

Leggi anche:  Di Maio, malore nel pomeriggio. "Ricoverato d'urgenza"

Il vicepremier, Luigi Di Maio, a Rtl 102.5, alla domanda se aumenterà l’Iva, ha risposto che “i cittadini hanno un vantaggio: per saperlo basta leggere il contratto. C’è scritto che l’Iva non deve aumentare nonostante il rischio a causa dei debiti fatti da Gentiloni e Renzi col ‘buco’, cioè senza copertura. L’Iva non aumentera’: non vogliamo togliere soldi ma tagliare sprechi e favori. I cittadini devono stare tranquilli perchè le mani in tasca non gliele mettiamo”.

“Il decreto Dignità mira ad abbassare il precariato per i giovani perche’ se vuoi farti una famiglia hai diritto ad un contratto prima o poi – ha detto ancora Di Maio a Rtl 102.5 -. Dopo 24 mesi il tuo datore deve decidere” anche grazie “agli incentivi sotto i 35 anni”. A fine anno poi “aumenteremo gli incentivi per tutti i contratti a tempo indeterminato anche sopra i 35 anni. Le persone valide non possono restare precari a vita”.

Leggi anche:  Salvini: "La capotreno anti-rom? Andrebbe premiata!" e rilancia la leva obbligatoria

“Non abbiamo bloccato i fondi per le periferie, il nostro è un emendamento a tal punto di buon senso, e che rispetta una sentenza della Corte Costituzionale, che anche le opposizioni che ci attaccano hanno votato”, ha dewtto ancora Di Maio. “La norma sblocca fondi che i Comuni potranno utilizzare da subito”, spiega.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteEuropei di nuoto: altri due ori per l'Italia!
Prossimo articoloRoma, rissa fra famiglie di turisti per selfie di fronte alla fontana di Trevi

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.