Condividi

Una analisi lucida quella di Toni Capuozzo alla trasmissione In Onda, ripresa e messa sul web dal sito LiberoQuotidiano e che noi riproponiamo di seguito. Si tratta di ino schiaffo vero e proprio ai teorici dell’accoglienza a tutti i costi.

Come riporta il quotidiano, per l’occasione si è parlato della vicenda della Diciotti e dei due migranti che hanno minacciato il capitano e l’equipaggio della nave. “La cosa che mi colpisce di più è che ci sia stato una sorta di ammutinamento a bordo – premette Capuozzo -. È la prima volta che sento di naufraghi salvati dall’ammutinamento che si rivoltano. Mi chiedo quali persone siano a bordo di quella nave”.

Credo sia un episodio illuminante: continuiamo a subire queste migrazioni, non siamo in alcun modo in grado di gestirle. Chiunque conosca l’Africa – sottolinea Capuozzo – sa benissimo che non si tratta dei più poveri e dei bisognosi. L’unica guerra oggi in corso in Africa è nel sud Sudan, dove più di 1 milione di profughi si sposta verso l’Uganda: non ce n’è uno che sale sui gommoni degli scafisti”.

Risultati immagini per capuozzo

Continua dunque Capuozzo: “La stragrande maggioranza degli immigrati non sta fuggendo dalla guerra. Togliamoci dalla mente l’illusione che stiamo aiutando i più poveri e i più diseredati. Una madre vedova con quattro figlie non partirà mai: non avrebbe i soldi per affrontare quel viaggio. Chiunque ha i soldi per pagare gli scafisti ha il diritto di venire in Italia”. Dunque, il giornalista conclude: “Io credo che un Paese serio in qualche modo debba provare a governare fenomeni come questo”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMaxiblitz della Polizia di Stato, Matteo Salvini si scatena: “Grazie ai buonisti che hanno riempito l’Italia..."
Prossimo articoloLa trascina dietro un cespuglio: "Violentata in pieno giorno mentre fa jogging"

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.