Condividi

Monsignor Andrea Gemma, 82 anni, fa esorcismi ogni settimana: “Islamisti non sono posseduti. Ma l’islam ha dato uno spiraglio a Satana che si è servito di Maometto”

Monsignor Andrea Gemma, 82 anni, vescovo emerito della diocesi di Isernia e Venafro, dal 1992 effettua esorcismi con frequenza settimanale.

Uno degli ultimi preti rimasti a combattere il demonio faccia a faccia, scacciandolo come solo la forza del Crocifisso riesce a fare. Ed ha un’idea chiara di come operi il maligno nella storia, anche attraverso l’islam: “Senza dubbio – dice – l’ irruzione dell’ islam nella storia ha offerto a Satana uno spiraglio. Il maligno si è servito di Allah e del suo profeta, Maometto”.

Duro e deciso, l’ultimo vescovo esorcista d’Italia. “Anni fa eravamo in due, io e l’arcivescovo Emmanuel Milingo. Oggi, sono l’unico vescovo nel Paese a esercitare esorcismi direttamente. Quando cominciai, nella diocesi di Isernia, la cattedrale era sempre strapiena. Dopo un po’ la gente, fuori, creava disagi al traffico: dissi basta ai gruppi di preghiera e decisi di intervenire con le singole persone. Pensi che, una volta, nel tentativo di colpirmi, un bisognoso mi lanciò una sedia che attraversò la chiesa”.

Leggi anche:  CRISTIANA condannata A MORTE: aveva insultato Maometto

Non deve essere facile fare il mestiere dell’esorcista. Anzi: a volte risulta pericoloso. Quando può benedice i bisognosi al telefono, e spesso la cosa può risultare efficace. Ma il più delle volte deve incontrare i suoi “pazienti” e combattere da vicino il demonio. “Ma nessuno si deve illudere che basti una sola seduta per sconfiggere il demonio”, dice spiegando che la vocazione gli venne ascoltando una predica di Giovanni Paolo II sul maligno. Il suo esorcismo più difficile fu quello di un ragazzo veneto: durò un’intera Quaresima: “Una famiglia mi raggiunse dal Veneto e si installò per un mese in albergo – racconta – L’ indemoniato era il figlio, un ragazzotto ben robusto. C’ era bisogno di tre persone per tenerlo fermo: urlava, si contorceva, sbavava. Non parliamo, poi, delle parole che fuoriuscivano dalla sua bocca all’ indirizzo di Dio e del sottoscritto. Ogni volta, uscivo in un bagno di sudore”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteHernandez si suicida in carcere: scontava l'ergastolo per omicidio
Prossimo articoloNON DEVE MAI ESSERE CONSERVATO IN FRIGORIFERO: ECCO PERCHÉ