Condividi

Un taglio alle tasse fino a 1.800 euro per chi fa nascere un giardino o ne riqualifica uno già esistente attraverso importanti lavori: ovvero nuovi alberi, tappeti erbosi, vialetti e impianti di irrigazione. Ne parla  IL MESSAGGERO

Nel 2018 è arrivato il “Bonus verde”: il governo Gentiloni ha messo a punto un provvedimento che consente una detrazione Irpef del 36%

sulle spese sostenute quest’anno per interventi di sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni.

La normativa esclude i lavori di manutenzione ordinaria annuale di giardini privati e condominiali.

 

Risultati immagini per lavoro giardino

 

Rientrano nello schema del bonus anche le spese per la realizzazione di impianti di irrigazione e pozzi e per la progettazione e la manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi.

Ed è ammessa la manutenzione ordinaria quando connessa a un intervento idoneo ad ottenere il bonus.

Il semplice taglio delle piante può quindi essere agevolato se qualificabile come manutenzione straordinaria.

Così, ad esempio, i robot taglia-erba possono ottenere il bonus verde se viene predisposto un impianto fisso nell’ambito di un intervento di rinnovamento globale del giardino.

Immagine correlata

La detrazione va ripartita in dieci quote annuali di pari importo e va calcolata su un importo massimo di spesa 5 mila euro per unità immobiliare a uso abitativo.

La detrazione massima è quindi di 1.800 euro per immobile: 36% di 5 mila. Il bonus è cumulabile su più immobili.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteBimba di tre anni si perde nel bosco: il cane la veglia tutta la notte e la salva
Prossimo articoloGuida telefonando con un bambino in braccio e senza aver mai preso la patente