Condividi

Pur di far nascere suo figlio sano aveva deciso di rimandare le cure per il cancro, malattia che le era stata diagnosticata durante i primi mesi di gravidanza. La coraggiosa mamma, Brianna Rawlings, di 19 anni, è morta pochi giorni dopo aver dato alla luce il suo bambino, Kyden. Poco più che adolescente Brianna aveva deciso coraggiosamente di ritardare il trattamento del cancro mentre era incinta, per dare al figlio Kyden le migliori possibilità di L’adolescente, originaria di Sydney, in Australia, era appena alla diciassettesima settimana di gravidanza quando le fu diagnosticata una forma rara e aggressiva di leucemia. A quel punto il medico la mise di fronte a una scelta drammatica: interrompere la gravidanza o portare a termine il figlio, ritardando il trattamento.

Brianna non ha esitato ma la sua decisione di continuare la gravidanza ha dimezzato le sue possibilità di sopravvivenza. Tuttavia, è stata costretta a partorire tre mesi prima, quando ha iniziato a soffrire di dolori lancinanti e febbri. Kyden ha poi perso tragicamente la sua battaglia per la vita, 12 giorni dopo la nascita, per colpa di un’infezione allo stomaco.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteL’ultimo saluto a Sissy Trovato Mazza: "il signore illumini le coscienze di chi dovrà dare delle risposte"
Prossimo articoloCesare Battisti dal carcere: "Umiliato al mio arrivo in Italia"