Ogni anno 1000 morti improvvise under 35 per cardiopatie

cuore-immaginiTorino, 22 settembre – Ogni anno in Italia si verificano circa 1000 morti improvvise per cardiopatie tra i giovani sotto i 35 anni. A dirlo e’ Francesco Fedele, Primario cardiologia Policlinico Umberto I, intervenuto oggi a Nativity, evento dedicato alla salute dei bambini ospitato presso il Palazzo dei Congressi a Roma. “Non si tratta di infarti ma di anomalie cardiocircolatorie, in genere congenite, che potrebbero essere riscontrate con un elettrocardiogramma e che non emergono da un semplice esame clinico”. Individuarle precocemente potrebbe salvare delle vite, “per questo la prevenzione e’ importante, soprattutto in eta’ prescolare e intorno ai 14 anni. Tutti i bambini che fanno sport, circa l’80%, dovrebbero avere una valutazione cardiologica, non solo chi fa attivita’ agonistica” spiega Fedele, che a Nativity ha presentato il suo libro “Il cuore dei giovani”. “Da uno screening effettuato su 20.000 ragazzi tra 16 e 18 anni in tutta Italia”, prosegue, “abbiamo verificato che il 19% ha anomalie non gravi, come aritmie, extrasistolie, mentre l’1-1,5% presenta patologie su cui e’ necessario intervenire”. Dallo studio condotto dalla Fondazione italiana Cuore e Circolazione insieme alla Societa’ italiana di Cardiologia, emerge inoltre che 8% degli adolescenti dichiara di assumere droghe, il 20% di eccedere con l’alcool, il 28% fuma, in particolare le donne nel nord Italia.  (ansa)