Cade nell’Adige a Trento, imprenditore salvato da finanziere

SOS1307585Trento, 23 settembre 2013 –  Un finanziere del Nucleo di polizia tributaria di Trento ha salvato un imprenditore agricolo che stava annegando nel fiume Adige. Lo rende noto il Comando provinciale della Guardia di Finanza.

Mentre stava percorrendo la strada che costeggia il fiume poco sotto la funivia Trento-Sardagna, il capitano Alessandro Alberioli ha notato da lontano una sagoma umana in acqua, riversa sulla schiena, che si muoveva debolmente.

Il giovane ufficiale, 33 anni originario di Feltre (Belluno), non ci ha pensato un attimo: ha chiesto ad un passante di chiamare immediatamente un’ambulanza del ‘118’, ha raggiunto la riva e si e’ tuffato nelle acque gelide del fiume sino a raggiungere l’imprenditore, che nel frattempo aveva completamente perso i sensi ed era giunto quasi al centro del corso d’acqua.

Dopo quasi venti minuti di tentativi, nonostante le forti correnti che caratterizzano il fiume in qual punto il finanziere e’ riuscito a raggiungere la riva trascinando con se’ l’imprenditore, ormai esanime. Sulla riva, il capitano ha rianimato l’imprenditore poi e’ crollato a terra in preda ad una forte ipotermia, per la quale e’ stato ricoverato d’urgenza all’ospedale S.Chiara di Trento. Sia l’imprenditore sia il giovane capitano si sono poi ripresi e sono fuori pericolo.