Se cerchi il tuo migliore amico, cercalo in un canile

SOS1307837La scelta di adottare un cane del canile costituisce senza dubbio un gesto di civiltà. Prima di acquistare un cane, infatti, perché non rivolgersi ad un canile, dove tanti cani abbandonati e soli aspettano un nuovo padrone? Al canile si possono trovare cani di tutte le età e di tutte le dimensioni.
Se si desidera veramente un cane, non è necessario che sia di razza: un meticcio può essere un vero amico, capace di dare moltissimo senza chiedere niente di speciale in cambio, se non il vostro amore e il vostro rispetto.
Decidere di adottare un cane, è una decisione molto importante, poiché cambierà la vostra vita. Adottare un cane significa assumersene piena responsabilità per tutta la sua vita. Significa organizzare le vacanze tenendo in considerazione anche il vostro nuovo amico, significa assumersene gli oneri economici, educarlo alla convivenza in famiglia e fuori. È in un certo senso come decidere di avere un figlio, poiché lui graverà (e conterà) tutta la vita su di voi.
L’adozione di un cane del canile comporta l’assunzione di un impegno non solo in termini morali ma anche in termini di legge. Al momento dell’adozione, viene fatto firmare all’adottante un modulo, nel quale si impegna a custodire l’animale con le dovute cure, a non cederlo a terze persone e a non abbandonarlo mai.
Se, dopo aver valutato bene pro e contro, siete veramente decisi ad allargare la vostra famiglia, dovrete scegliere il cane adatto. Durante la visita al canile non esitate nel fare domande al personale per verificare anche la loro conoscenza delle informazioni necessarie a trattare dignitosamente i cani ospitati. Aspettatevi del resto molte domande anche dal personale del canile: hanno bisogno di conoscere la vostra situazione famigliare e cercheranno di consigliarvi al meglio.
Di solito, la maggior parte delle persone che si recano in canile a prendere un cane sono accompagnate da una serie di richieste orientate soprattutto su cuccioli e cani di taglia piccola. Ma nella scelta di un cane, le cose più importanti da valutare non sono tanto la taglia e l’età, quanto il carattere. Per esempio, non è detto che un cane di taglia piccola sia il più indicato per vivere in appartamento: ci sono cani molto piccoli che sono però anche molto vivaci e che, per vivere serenamente, hanno bisogno di un giardino. D’altro canto ci sono invece dei cani di taglia grande molto calmi e tranquilli adatti quindi a vivere in città e in appartamenti anche piccoli. Tenete conto che per un cane l’importante è avere l’affetto e la vicinanza della propria famiglia umana e non contano la dimensione del posto in cui vive. Se calcolate quanto sono grandi le gabbie di un canile, potrete senz’altro capire che è sicuramente meglio vivere nel vostro appartamento!
L’importante è assicurare al cane almeno tre uscite al giorno (quando è possibile anche quattro) durante le quali farlo correre nei prati, farlo giocare e socializzare con altri cani e persone (cosa essenziale da fare anche se avete un appartamento con giardino).
Una volta individuato un cane interessante, fatevi raccontare qualcosa del suo passato di come è stato trovato e chiedete di farlo uscire dalla gabbia per poter interagire con lui e osservare il suo comportamento in un contesto diverso. Dopo la scelta del cane arriva il momento di concretizzare l’adozione attraverso un modulo di raccolta dati che vi sarà richiesto di firmare. Nei canili più organizzati il cane vi sarà affidato per un periodo di pre-affido entro cui avrete la possibilità di provare la nuova convivenza ed eventualmente, ma solo in caso di grandissimi e irrisolvibili problemi, restituirlo al canile. Durante questo periodo potreste essere soggetti a controlli domiciliari da parte del personale del canile per verificare le condizioni in cui viene tenuto il cane e capire come si sta sviluppando il rapporto con il nuovo proprietario.
Una volta arrivato a casa, i primi giorni sono i più delicati e i più difficili per il nuovo arrivato. Fategli già trovare a casa la sua copertina (se è quella che aveva in canile è ancora meglio), le ciotole ed i giocattoli. Abituatelo fin da subito ai vostri ritmi: ricordate che i cani sono animali abitudinari e per loro è fondamentale avere ritmi quotidiani stabili. Dategli orari fissi per le passeggiate, la pappa e le attività ludiche. Lasciate che durante la prima settimana si adatti al suo nuovo ambiente e stile di vita, abbiate pazienza e non chiedete troppo al vostro nuovo compagno di vita. Quando si adotta un cane, se si prospetta che dovrà restare solo a casa per alcune ore, è bene abituarlo fin da subito a restare un po’ da solo, anche se per poco tempo.
Alla fine, se, nonostante tutte le difficoltà e le precauzioni, adotterete un cane dal canile, non ve ne pentirete, un cane abbandonato ha un’immensa capacità di amare, semplicemente perché ha sofferto molto e per lui la cosa più importante è compiacere il nuovo proprietario per non essere nuovamente abbandonato. (dogsitter.it)