Corpo degli Alpini

SOS1308190Gli Alpini sono la fanteria da montagna dell’Esercito Italiano anche se questo nome è di fatto esteso a tutte le specialità da montagna delle varie armi/corpi dell’Esercito Italiano. Queste truppe, specializzate nella guerra sui terreni montani, sono attualmente organizzate sostanzialmente su due brigate operative inquadrate nel Comando truppe alpine.
Costituiti ad opera del capitano Giuseppe Perrucchetti, in Napoli con regio decreto legge del 15 ottobre 1872, gli Alpini sono il più antico corpo di fanteria da montagna attivo nel mondo, originariamente creato per proteggere i confini montani settentrionali dell’Italia con Francia, Impero austro-ungarico e Svizzera.

Nel 1888 gli Alpini furono inviati alla loro prima missione all’estero, in Africa, continente nel quale sono tornati più volte nella loro storia, per combattere le guerre coloniali del Regno d’Italia. Essi si sono distinti durante la prima guerra mondiale, quando furono impiegati nei combattimenti al confine nord-est con l’Austria-Ungheria, dove per tre anni dovettero confrontarsi con le truppe da montagna austriache e tedesche, rispettivamente Kaiserschützen e Alpenkorps, in quella che da allora è diventata nota come la “guerra in alta quota”.

Durante la seconda guerra mondiale, gli alpini combatterono a fianco delle forze dell’Asse principalmente nei Balcani (nel difficile teatro greco-albanese) e sul fronte orientale, dove, impegnate sulla linea del Don invece che nel Caucaso come inizialmente previsto, subirono perdite gravissime durante la battaglia difensiva e la tragica ritirata dell’inverno 1942-1943.

A causa della riorganizzazione dell’Esercito Italiano dopo la fine della guerra fredda, nel 1990 tre delle cinque brigate alpine e molte unità di supporto furono sciolte. Dal 2003 gli Alpini sono impegnati in Afghanistan.