1.500 euro per “alleggerire” cartella esattoriale, indagato dipendente Equitalia

SOS1308288Cosenza, 17 ottobre 2013 – Aveva chiesto 1.500 euro a un commerciante della zona per alleggerire alcune cartelle esattoriali, esercitando anche pressioni, ma senza ottenere nulla. I finanzieri del Nucleo di Polizia tributaria di Cosenza hanno notificato un avviso di conclusione indagini a P.B.S., dipendente di Equitalia, per concussione, accesso abusivo al sistema informatico, violazione del segreto d’ufficio, con l’aggravante di essere stati posti in essere da un pubblico ufficiale con abuso di potere e violazione dei doveri inerenti al proprio servizio.

E’ stata la stessa vittima a denunciare la condotta del dipendente a Equitalia, che ha, a sua volta, segnalato il tutto alla magistratura. L’uomo avrebbe anche effettuando circa 2500 interrogazioni e stampe di estratti di ruolo riguardanti 174 contribuenti, svolgendo così un’attività che non rientrava assolutamente tra le mansioni a lui assegnate.