Prelevava denaro con carte di credito clonate, arrestato 36enne bulgaro

polizia8Roma, 20 ottobre 2013 – Usava carte di credito clonate per prelevare denaro dagli sportelli bancomat. L’uomo e’ stato notato dagli agenti del reparto volanti, diretto da Eugenio Ferraro, mentre, fermo davanti allo sportello di un istituto di credito in via Tuscolana, a Roma, stava prendendo i soldi. Dopo aver ritirato il denaro e averlo riposto in tasca, si e’ voltato per andare e via ma, quando ha visto i poliziotti ha iniziato ad incamminarsi velocemente. Durante il tragitto, gli agenti lo hanno visto nascondersi dietro un cassonetto per l’immondizia e dopo qualche secondo gettare all’interno di questo alcune banconote con altri oggetti. Il comportamento dell’uomo ha insospettito gli agenti che hanno deciso di fermarlo per un controllo. Fermato ed identificato per G.D., bulgaro di 36 anni. All’interno del cassonetto, oltre alla somma di 910 euro, suddivisa in banconote da 20 e da 50, sono state rinvenute 20 tessere di plastica con banda magnetica e sul retro di ognuna, una serie numerica composta di quattro cifre.Gli accertamenti successivi effettuati presso il compartimento della polizia postale, hanno permesso di scoprire che tutte le carte rinvenute risultavano essere clonate. Dai riscontri tecnici si e’ potuto accertare che la clonazione e’ stata effettuata principalmente in danno di carte di credito emesse da istituti bancari con sede nella Repubblica Domenicana. L’uomo e’ stato accompagnato negli uffici del commissariato Tuscolano dove e’ stato arrestato per indebito utilizzo di carte di credito clonate. Proseguono le indagini per rintracciare una seconda persona che, a seguito di alcuni accertamenti effettuati dagli agenti del commissariato Tuscolano, e’ risultata alloggiare con l’arrestato in un bed and breakfast della capitale.