Picchiano e rapinano rivale in amore, arrestate due sorelle

PATTUGLIA CARABINIERI CATANIANapoli, 21 ottobre 2013 – Attirano una rivale in amore in un tranello e poi, dopo essersi allontanate in auto, al culmine di una lite, la picchiano con calci e pugni, lasciandola in strada a torso nudo, senza la borsa contenente il telefonino, denaro ed effetti personali. E’ successo nel quartiere Fuorigrotta di Napoli dove i carabinieri hanno arrestato due sorelle di 20 e 21 anni, con l’accusa di rapina e lesioni personali. La vittima e’ stata soccorsa da alcuni passanti e accompagnata nell’ospedale San Paolo dove i sanitari l’hanno medicata per lesioni multiple sul corpo e trauma cranico. I carabinieri, grazie alle informazioni fornite dalla malcapitata, hanno raggiunto l’abitazione dove le due sorelle vivono abusivamente: invece delle ragazze hanno trovato due giovani di 23 e 18 anni. Durante una perquisizioni e’ stato trovato quasi un kg di marijuana nel cestello della lavatrice e 2330 euro in contanti. I due giovani sono stati arrestati. Le due ragazze, invece, sono state rintracciate e bloccate nell’abitazione della madre, dove i carabinieri hanno anche trovato la borsa e gli effetti personali della vittima. La piu’ grande e’ stata chiusa nel carcere femminile di Pozzuoli mentre per la 20enne sono stati disposti gli arresti domiciliari. (ANSA).