Fucili modificati e con silenziatore, padre e figlio accusati di bracconaggio

bracconaggio carabinieri forestaleBolzano, 23 ottobre 2013 – I carabinieri di Sarentino hanno arrestato in cooperazione con la forestale due presunti bracconieri, padre e figlio di 85 e 38 anni. Nel corso di una perquisizione domiciliare sono stati trovati in possesso di 2 fucili da caccia modificati e muniti di silenziatore artigianale, quasi 200 cartucce calibro 22 subsonic e numerosi capi di selvaggina abbattuti. L’accusa è di detenzione abusiva di armi modificate, omessa denuncia di armi ed esercizio abusivo dell’attività venatoria. (ANSA)