Italiano ucciso in Gran Bretagna: 9 gli arrestati, non sono inglesi

joele leottaLondra, 23 ottobre 2013 – Avrebbero sfondato la porta al grido di ‘italiani di merda’ per poi aggredire Joele Leotta, 19 anni, a calci e pugni. E’ questa la ricostruzione fornita all’Adnkronos dal sindaco di Nibionno, Claudio Usuelli, informato da fonti locali, di quanto accaduto al suo concittadino, trasferitosi in Inghilterra due settimane fa per lavorare come cameriere a Maidstone, nel Kent. Per il suo omicidio, sono state arrestate nove persone. “Sono di nazionalità straniera, non inglesi” le persone che rimangono in stato di arresto per l’aggressione nel Kent in cui è stato ucciso il giovane di Lecco, Joele Leotta. Lo ha riferito all’ANSA la polizia del Kent. “Non stiamo trattando l’episodio come un incidente a sfondo razziale”, ha detto un portavoce della polizia.