Abbandonata dai genitori perché malata, il primario chiede e ottiene l’affido

SOS1308471Foggia, 24 ottobre 2013 – Proviene da una famiglia con situazioni difficili e i suoi genitori non potevano occuparsi di lei. Per questa ragione l’ospedale ne ha ottenuto l’affido, nella persona del primario dottore Giuseppe Melchionda, e ora ha avviato le procedure per l’adozione.

La bambina, 6 anni, è affetta da una rara malattia che dalla nascita la costringe a vivere in un letto di ospedale attaccata alle macchine e poiché i genitori, impossibilitati a prendersene cura, l’hanno abbandonata da tempo, il Tribunale per i minorenni di Bari ha deciso di affidarla al primario del reparto di rianimazione dove è ricoverata.

Ora è anni assistita nell’ospedale Casa Sollievo della sofferenza di San Giovanni Rotondo affetta da “sindrome di Bruck”, malattia rarissima che comporta una deformazione degli arti e una aspettativa di vita molto breve. La piccola, pur essendo attaccata ad un respiratore e alimentata artificialmente, è vigile, guarda la tv, interagisce con le persone che si occupano di lei. Tra loro, in particolare suor Noemi, ma ormai è tutto il reparto a prendersene cura. (corriere.it)