Fu ucciso per errore, condannati i sicari

giustiziaBari, 24 ottobre 2013 – Il gup Antonio Diella ha condannato a 20 anni il 34enne Emanuele Fiorentino e a 13 anni e 4 mesi il 33enne Edoardo Bove, imputati dell’omicidioßdi Giuseppe Mizzi, il 39enne ucciso per errore in un agguato mafioso il 16 marzo 2011. La vittima fu sorpresa dai sicari mentre rincasava nel rione Carbonara di Bari. Presente all’udienza la moglie della vittima, Katia Patrono, madre di due ragazzi di 16 e 7 anni: ”Ho voluti guardare gli imputati negli occhi”, ha detto la donna. (ANSA)