Tempesta San Giuda raggiunge Nord Italia, 12 morti in tutta Europa

san giudaMilano, 29 ottobre 2013 – L’Italia è stata raggiunta dalla coda di San Giuda, la «tempesta perfetta» che ha causato devastazioni e vittime in molti Paesi europei. Intanto, decine di migliaia di persone sono al momento senza corrente elettrica in Svezia, Danimarca, Estonia e Lettonia a causa del passaggio della tempesta, soprannominata sui social network «stormageddon».

LE VITTIME – Sono saliti a quindici le vittime della perturbazione nata nell’Atlantico. Il bilancio si è aggravato con la morte in Danimarca di un uomo, che si è schiantato con la sua auto contro un albero che era caduto a causa delle forti raffiche di vento. Sempre in Danimarca ci sono decine di feriti. Delle vittime, due sono state registrate in Danimarca, sei in Germania, cinque nel Regno Unito, una in Francia e una in Olanda.

TEMPESTA PERFETTA – San Giuda è stata una delle tempeste più violente registrate da anni: secondo alcuni con picchi che eguagliano «the Great Storm» che colpì l’Inghilterra nel 1987, con ripercussioni in tutto il Nord Europa. La perturbazione ha cominciato a materializzarsi sui cieli del Galles domenica sera e ha continuato a prendere forza nelle ore, viaggiando verso Est, con venti che hanno raggiunto la velocità di 80 miglia orarie (99 il picco rilevato sull’Isola di Wight). Come misura preventiva, il traffico ferroviario di tutte le linee operative dall’ovest all’est e nel sud dell’Inghilterra, è stato sospeso. Il servizio è rimasto bloccato per tutta la mattinata, con solo alcuni treni tornati a funzionare nel pomeriggio.

IN ITALIA – In Italia la perturbazione, la numero 7 del mese di ottobre, porterà piogge e temporali al Nord e Nordovest . L’alta pressione di matrice nordafricana continua a proteggere il Centrosud dove prosegue la mite ottobrata italiana, con temperature oltre la norma e praticamente estive, specie sulle due isole maggiori. (Corriere.it)