Arrestato Oscar Lancini, sindaco ‘sceriffo’ di Adro

oscar lanciniBrescia, 8 novembre 2013 – Oscar Lancini, sindaco di Adro, famoso per aver tappezzato la scuola del paese con il sole delle Alpi, è stato arrestato dai Cc ed è agli arresti domiciliari. E’ accusato di turbata libertà degli incanti e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. Avrebbe favorito alcune aziende nella gara d’appalto per la realizzazione di alcune opere in paese. Lancini è noto anche per la vicenda della mensa negati ai bimbi della scuola i cui genitori non erano in regola coi pagamenti.

Nel 2010 Lancini, che adesso si trova agli arresti domiciliari, aveva intrapreso una vera e propria crociata contro i genitori dei bimbi che non pagavano la mensa all’asilo. A questi aveva negato il pasti finché non avessero saldato il conto. Il braccio di ferro si risolse con l’intervento di Silvano Lancini, l’imprenditore-benefattore (suo omonimo) premiato dallo stesso presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. L’onoreficenza del Quirinale spinse il sindaco di Adro a scrivere una lettera al Colle criticando il premio. Proprio per quella lettera, fu indagato (poi prosciolto) per vilipendio al capo dello Stato.

Lancini è finito in una tempesta di polemiche, culminate in una causa civile, anche per il nuovo polo scolastico “Gianfranco Miglio”. Le pareti della scuola erano, infatti, tappezzate con il Sole delle Alpi. Gli attacchi si era spinti tanto in là da costringerlo rimuovere il simbolo leghista. Infine, il sindaco di Adro è rimasto invischiato con l’azienda di famiglia, poi passata di mano alla Vallesabbia Servizi srl. La Elg era stata accusata di versare scorie tossiche nell’ambiente. Per queste accuse, però, Lancini non è mai stato condannato. La Vallesabbia Servizi srl, dove attualmente lavora anche il fratello di Lancini, è stata recentemente chiusa dalla procura per un grave episodio di inquinamento.  (IlGiornale.it)