Costa Smeralda, la Procura smentisce: ”Nessuna inchiesta per corruzione”

costa smeraldaOlbia, 15 novembre 2013 – Nessuna inchiesta sulla Guardia Costiera e il Consorzio Costa Smeralda. Lo rende noto la Procura della Repubblica di Tempio Pausania, dopo la notizia dell’apertura di un fascicolo per corruzione sul Consorzio, che, secondo alcuni quotidiani, sarebbe stato indagato per una presunta “sponsorizzazione” della Capitaneria, con il pagamento di benzina per le motovedette e di buoni pasti per alcuni militari. (TgCom24)

Leggi anche:
Porto Cervo: dai super-ricchi soldi alla Guardia Costiera