Filippine: primi aiuti dall’Italia, dalla Cooperazione farmaci e coperte

Haiyan tifone8Roma, 16 novembre 2013 – E’ partito ieri sera dalla Base di Pronto Intervento Umanitario delle Nazioni Unite (Unhrd) di Dubai, gestita dal Programma Alimentare Mondiale (Pam), il primo volo umanitario del ministero degli Esteri italiano a sostegno della popolazione delle Filippine. Farmaci antidiarroici, coperte e tende della Cooperazione Italiana allo Sviluppo del ministero, per un totale di 14 tonnellate, sono stati inviati a bordo di un Boeing 777, alla volta dell’aeroporto di Cebu, nelle Filippine, dove stanno affluendo molti degli aiuti umanitari destinati alle zone dove piu’ forte e’ stato l’impatto del supertifone Haiyan. Lo riferisce il Pam in una nota. Gli aiuti partiti dalla Base Unhrd di Dubai fanno parte degli stock per la prima risposta alle emergenze umanitarie che il governo italiano conserva presso quei magazzini. Il volo, oltre ai soccorsi italiani, trasporta anche beni di prima necessita’ e attrezzature per la risposa alle emergenze del Pam (settore logistica), della Cooperazione Internazionale Giapponese (Jica), dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’ (Oms) e di Catholic Relief Service (Crs). Le Basi di Dubai e di Subang (Malesia) – entrambe del Network Unhrd – sono utilizzate in questi giorni per l’invio nelle Filippine di gran parte degli aiuti umanitari del Pam oltre che di numerosi altri partner mentre alla Base di Brindisi e’ affidato il compito del coordinamento logistico dei vari utilizzatori del Network. Sono previsti altri voli della Farnesina per le Filippine mentre il Pam ha gia’ inviato, dalle due basi di Dubai e di Subang, biscotti ad alto contenuto energetico, materiale per le telecomunicazioni e altri beni non alimentari. La Cooperazione Italiana allo Sviluppo sta sostenendo l’operazione di emergenza del Pam nelle Filippine con una donazione di 300.000 euro. Nel paese asiatico, colpito da uno dei piu’ violenti tifoni mai registrati, l’agenzia Onu conta di assistere 2,5 milioni di persone nei prossimi sei mesi. Attivato anche un SMS solidale (45590) attraverso cui fare donazioni. (AGI)