Scandalo droga e alcol, sindaco Toronto privato dei poteri

Rob Ford sindaco torontoToronto (Canada), 19 novembre 2013 – Con una decisione storica, al termine di una seduta tumultuosa, il consiglio comunale di Toronto, ha deciso di privare della maggior parte dei suoi poteri il suo sindaco, Rob Ford, immortalato da un video mentre fumava ‘crack’. Ma lui, che continua ad essere nominalmente il sindaco della citta’, ha accusato i consiglieri di “colpo di Stato” e ha promesso che l’anno prossimo tentera’ di nuovo la ‘corsa’ alla poltrona con una battaglia elettorale che rivaleggera’ -ha minacciato- con la guerra del Golfo. Si chiude cosi’ l’ultimo capitolo di una saga imbarazzante per quella che e’ la piu’ grande citta’ del Canada e il suo ‘cuore’ economico. Ford, che ha rifiutato fino all’ultimo di dimettersi e adesso promette di perdere peso e rinunciare all’alcool e alla droga, ha mostrato un atteggiamento spavaldo.
“Questo e’ un colpo di Stato” ha tuonato. “State dicendo a tutti coloro che mi hanno eletto che il loro voto non conta”.
Il dibattito ha avuto toni cosi’ accesi che si e’ quasi trasformato in una farsa: in un impeto di follia, ad un certo punto lui ha preso a correre in mezzo all’aula ed ha praticamente travolto un’anziana consigliere donna, salvo poi aiutarla a rialzarsi. La votazione e’ l’ultimo capitolo di un dramma iniziato a maggio di quest’anno quando vari mezzi di comunicazione rivelarono di aver visionato un video in cui Rob Ford fumava ‘crack’. Da allora e’ stato un crescendo e un’inchiesta della polizia durata ha sei mesi lo ha poi messo alla berlina, rivelando le sue frequenti sbronze, gli abusi verbali e fisici ai subordinati, le sue relazioni con membri della malavita e prostitute. La scorsa settimana, Ford ha ammesso di aver comprato stupefacenti anche dopo esser diventato sindaco, nel 2010, e di aver guidato in stato di ebbrezza, ma ha detto che tutti commettono “errori” e ha chiesto scusa per il suo stile di vita. In un’intervista andata in onda lunedi’ sera, Ford ha inoltre dichiarato i non aver toccato alcol nelle ultime tre settimane e ha spergiurato che non berra’ piu’. La mozione approvata con 36 voti a favore e 5 contrari, riduce il bilancio del suo ufficio del 60% e dimezza il suo personale, delegando la gran parte dei poteri al vicesindaco, Norm Kelly; il consiglio comunale non ha potuto defenestrarlo pero’ perche’ non c’e’ una condanna penale. (AGI) .