Violenza sulle donne: Italia prima in europa a firmare convenzione Belem Do’Para

VIONOWashington, 19 novembre 2013 –  Un altro importante tassello nella lotta internazionale contro le violenze domestiche ed il femminicidio e’ stato aggiunto dall’Italia, primo paese europeo e primo paese non americano a firmare oggi la Convenzione di Belem Do’ Para’ dell’Organizzazione degli Stati Americani (Osa) adottata nel 1994 da 32 stati del continente americano su 34 allo scopo di prevenire, punire e combattere il fenomeno della violenza sulle donne. Un atto “dall’alto valore simbolico” perche’ su questo fronte “le azioni delle singole nazioni non bastano”, mette in evidenza il viceministro del lavoro e delle politiche sociali con delega alle pari opportunita’ Cecilia Guerra, a margine della cerimonia di firma, questa mattina, nella sede dell’organizzazione internazionale dei 35 stati indipendenti delle Americhe che rappresenta anche il principale forum politico per il dialogo multilaterale, la soluzione dei problema politici e il rafforzamento delle democrazie nel Continente. “Il nostro obiettivo – ha aggiunto – e’ quello di premere a livello internazionale per la firma e la ratifica della Convenzione di Istanbul”, il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante per combattere concretamente la violenza domestica nei confronti delle donne. L’Italia e’ stata tra i primi a farla propria ratificandola, l’estate scorsa, ma sono ancora troppi i Paesi, specie tra i pesi massimi del Consiglio d’Europa, a mancare all’appello. “Per questa ragione – spiega Guerra – in accordo con il Consiglio d’Europa, ci sembrava importante collegare l’azione portata avanti in sede europea con quella intrapresa su questo fronte nel continente americano”.  (Adnkronos)