Mette la foto della figlia su Facebook, poi la uccide

denverDenver, 20 novembre 2013 – Posta la foto della figlia di 19 mesi su Facebook e la uccide con una pistola che poi punta su di se’. Per la piccola non c’e’ stato nulla da fare, mentre Merrick McKoy e’ ricoverato in ospedale. E’ successo nella mattinata di lunedi’ a Westmister in Colorado e il motivo della azione estrema dell’uomo e’ una lite con la mamma della bimba, Kim Phanthavongsa. Sul profilo del social network, il 22enne aveva pubblicato: “Ti avevo detto che non avrei potuto vivere senza di te, forse pensavi stessi giocando, adesso io e mia figlia ci togliamo di mezzo”. Poi il suo ultimo post: “Non giudicatemi non avevo scelta”. Sotto choc Kim, 21 anni, che ha raccontato alla polizia di essersi svegliata con la pistola puntata e poi di essere riuscita ad andare dai vicini per chiamare il 911. La giovane ha spiegato che Merrick era un ragazzo molto geloso e possessivo. McKoy era stato anche oggetto di un ordine restrittivo dopo un incidente di violenza domestica nei confronti di Kim. Era stato accusato di aggressione, furto con scasso, violazione di domicilio e molestie. (AGI).