Posta la foto della figlia di un anno su Facebook e poi la uccide

denverDenver, 20 novembre 2013 – Posta su Facebook una foto insieme alla figlia di 19 mesi, la uccide a colpi di pistola e poi cerca di togliersi la vita. E’ successo in una casa di Westminster, alla periferia di Denver, in Colorado. Protagonista di questa tragedia familiare è il 22enne Merrick McKoy, che secondo le prime informazioni avrebbe agito dopo un litigio con la mamma della piccola.

Nel settembre scorso l’uomo era stato arrestato per violenza domestica ed era stato sottoposto a un provvedimento restrittivo. La 21enne madre della piccola ha raccontato alla polizia di essersi svegliata lunedì mattina con l’uomo che le puntava una pistola addosso, ma di essere riuscita a fuggire da un vicino per chiamare il 911.

Quando gli agenti sono arrivati era troppo tardi. Il giovane, rimasto solo in casa con la figlia, ha pubblicato su Facebook una foto della bambina e alcuni messaggi criptici come “Non giudicarmi, non avevo scelta” e “non posso vivere senza di lei, forse pensavi che scherzassi brutta….”.

Dopo aver sparato alla bambina ha rivolto l’arma contro di sé. La piccola è morta in seguito alle ferite riportate, mentre il padre è stato ricoverato in ospedale. Al momento non si conoscono le sue condizioni.